Con un simile monumento storico al suo interno era davvero impossibile che questo rione si desse un nome diverso!

Con il Canton Balin, il Castello costituisce il cuore della città di Robbio; il rione però non è soltanto lo splendido edificio medioevale che si staglia nella parte più alta della città. Di ciò fa fede la vicina chiesa di San Michele, patrono del rione, di origini longobarde e dallo splendido portale sovrastato da un rosone in cotto di squisita fattura. Il rione però è ricco di altri quartieri storici, come il TRA’, vale a dire la odierna Via dei Mille, che era nel medioevo uno dei tre fossati che circondavano il munitissimo maniero, il CO’ DL’ULIVA e il DOSS.

Per anni, in un caratteristico angolo del Castello, era situata la sede della locale Pro Loco che da anni si interessa principalmente della salvaguardia e della promozione della bellezze architettoniche robbiesi.Sullo stendardo rionale campeggia naturalmente l’emblema del Castello, contornato dai colori rosso e blu che simboleggiano rispettivamente il comando e l’antico colore del borgo robbiese. Nel corteo storico figuranti del Castello indossano sgargianti e preziosi costumi che rappresentano la vita all’interno di un antico maniero medioevale. Una curiosità toponomastica interessa il rione: la copertura della roggia Crotta, avvenuta circa verso la metà di questo secolo, ha fatto si che la strada che separa il Castello dal rione Muron abbia oggi... due nomi! Dalla parte del Castello si chiama Via Casaro Battista e da quella del Muron invece si chiama Via Guado Oca!

Dopo anni di crescita il rione è riuscito a conquistare due palii consecutivi nel 2002 e nel 2003 e un terzo nel 2009 in occasione della 25ª edizione del Palio.

Il rione rosso blu ha stretto un gemellaggio col Rione Mota del Palio di Copparo (FE).

Il sito internet del rione Castello si trova all'indirizzo: http://www.rionecastello.it/